XXI Giornata del sollievo

La Giornata del Sollievo 2022

Il 29 maggio 2022 sarà celebrata la XXI Giornata del sollievo. Motivo cardine della Giornata è sensibilizzare tutta la società civile e non solo le persone sofferenti, al vissuto del sollievo e il suo obiettivo va oltre il singolo giorno della celebrazione.

Essa si propone infatti di focalizzare l’attenzione di tutti i cittadini su ciò che è concretamente possibile fare per portare sollievo a chi è nella prova del dolore. La presenza, la vicinanza, la prossimità alla persona malata e sofferente, nella loro dimensione fisica e spaziale, sono state frustrate e significativamente ridotte negli ultimi due anni di pandemia dalle limitazioni imposte per contrastare la diffusione del Covid-19. Ciò non significa che non si possa essere comunque “diversamente” vicini o presenti anche quando il prossimo maggio dovessero esserci ancora limitazioni, comunque prevedibilmente meno stringenti rispetto ai due anni scorsi.

La XXI Giornata del sollievo può essere un’occasione, anche animata da creatività, per manifestare la propria vicinanza alla persona che soffre attraverso segni e messaggi di cura, di partecipazione e di carità anche mediante tecnologie di comunicazione come il telefono, la messaggistica, i social, la videochat, ecc. In definitiva, “quello che importa” – come diceva Gigi Ghirotti – “è che la persona malata non si senta mai abbandonata e sola”. Centinaia le manifestazioni previste, che potranno riprendere anche in presenza, stante l’allentamento dell’emergenza pandemica, in strutture sanitarie e municipalità in occasione della Giornata del Sollievo: eventi pubblici di sensibilizzazione e di informazione (in presenza o via internet), promossi da aziende sanitarie o da enti no profit; preghiere per le persone malate e per chi se ne prende cura (è accaduto più volte nelle passate ricorrenze della Giornata che il Santo Padre, dopo la preghiera dell’Angelus/Regina Cæli, rivolgesse un saluto a chi in quel momento stava celebrando la Giornata del Sollievo insieme alle persone malate e sofferenti); convegni e corsi di formazione per operatori sanitari; riconoscimento di “Città del Sollievo” conferito dalla Fondazione Nazionale “Gigi Ghirotti” onlus col patrocinio dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani; esibizioni di artisti in ospedali; attribuzione di riconoscimenti a strutture sanitarie distintesi nella umanizzazione delle cure; il concorso per alunni e studenti “Un ospedale con più sollievo” in collaborazione con il ministero dell’Istruzione. Al Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” di Roma, il 29 maggio ci sarà una manifestazione nella hall dell’ingresso principale con l’esibizione di artisti, cantanti, personale sanitario e l’animazione di studenti di Medicina e Chirurgia dell’Università del “Sacro Cuore”, davanti a un pubblico di persone ricoverate presso il policlinico, loro familiari e tanti giovani presenti per le premiazioni del concorso “Un ospedale con più sollievo“. Seguirà, a conclusione della giornata, la celebrazione della Santa Messa.